Federalberghi, stagione estiva da dimenticare

Federalberghi, stagione estiva da dimenticare. Il Presidente di Federalberghi, Giammarco Giovannelli, stila un primo bilancio sulla stagione estiva nella nostra regione ed in particolare nel teramano.

Secondo i dati in possesso dell’associazione di categoria l’estate 2016 può essere archiviata negativamente. Anche se, sottolinea Giovannelli, qualche aspetto positivo lo si puç riscontrare. Il turismo balneare nelle località più rinomate della costa teramana ha retto malgrado la crisi. Si sono registrate maggiori presenze di turisti stranieri e degli amanti del mordi e fuggi a fronte di un calo delle prenotazioni stagionali. Tortoreto, Pineto, Roseto ed Alba Adriatica le mete preferite dagli amanti della tintarella. Si lamentano invece gli albergatori delle altre località che hanno registrato segni negativi. la crisi, la concorrenza dei B&B hanno caratterizzare una stagione estiva con il segno meno.

Secondo il Presidente di Federalberghi, Giovannelli, “la concentrazione delle vacanze in periodi sempre più circoscritti, impone la necessità agli addetti ai lavori di ricostruire la così detta alta stagione. Il crollo dei fatturati è da attribuire a diversi fattori, la crisi si, ma anche il maltempo e ultimo in ordine cronologico il sisma del 24 agosto scorso. Giovannelli chiede infine che lo sviluppo turistico debba necessariamente attraversare una fase emergenziale per essere rilanciato”

 

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Federalberghi, stagione estiva da dimenticare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*