Deceduto da 41 anni ma non per l’INAIL

Deceduto da 41 anni ma non per l’INAIL. Sicuramente saranno rimasti sconcertati ed esterrefatti i familiari di Mariano Mariani, titolare di un frantoio a Faiano, una piccola frazione a pochi chilometri da Montorio, nel vedersi recapitare una lettera di accertamento del 1976 da parte dell’INAIL di Teramo.

E già perché, nel frattemtpo, il loro congiunto era passato a miglior vita da oltre 40 anni. Mariano Mariani è deceduto infatti nel 1975 e l’INAIL nei giorni scorsi ha richiesto tramite posta un certificato di cessazione di attività per definire il rapporto assicurativo. A ricevere la missiva nei giorni scorsi, il nipote dell’anziano deceduto, omonimo del nonno che non ha mai avuto la possibilità di conoscere. Ci sono voluti oltre 40 anni ai “solerti” impiegati dell’ Istituto Previdenziale per accorgersi della mancanza di un certificato. Storie di ordinaria burocrazia che danno il senso di come a volte la macchina burocratica presenti delle falle enormi ed inspiegabili per il contribuente.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Deceduto da 41 anni ma non per l’INAIL"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*