Equitalia batte cassa alla chiesa di Orsogna

Equitalia batte cassa alla chiesa di Orsogna. Dopo la brutta vicenda dell’oro di San Rocco venduto dal parroco, i fedeli di Orsogna si vedono cadere un’altra tegola.

La loro Parrocchia di San Nicola è gravata da un debito di 100 mila euro con Equitalia. A dare la terribile notizia il nuovo parroco della chiesa, Don Giuseppe Liberatoscioli che al termine della messa domenicale ha voluto informare i propri fedeli. Il pesantissimo debito con Equitalia, è stato maturato dal 1998 al 2003 dall’ex parroco, Don Mario Persoglio, che non ha provveduto a versare le tasse dovute all’erario per i canoni che la rete telefonica paga annualmente alla parrocchia per aver installato sul tetto un ripetittore.  Il debito, inizialmente di circa 25 milioni di lire, con l’entrata dell’euro trasformatosi in circa 12 mila euro, con il passare degli anni, tra interessi di mora, ed le successive annualità non versate, è aumentato sino alla sbalorditiva cifra di 100 mila euro. La Curia, all’oscuro della vicenda, ha affidato tutte le carte ad un esperto tributarista per cercare una soluzione ed ottenere uno sconto su quanto dovuto.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Equitalia batte cassa alla chiesa di Orsogna"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*