Pescara, pensionato morto in ascensore 35 enne condannata

Pescara, pensionato morto in ascensore 35 enne condannata a 6 mesi. Sei mesi di reclusione: e’ la condanna inflitta, oggi pomeriggio, dal gup del Tribunale di Pescara, Elio Bongrazio, a Happy Ayegbeni, 35 anni, nigeriana, finita nei guai per la morte del pensionato di Spoltore, Donato Pangiarella, 74 anni.

L’ ex dirigente di una squadra di calcio, era stato trovato senza vita il 6 settembre 2014 nell’ascensore di un palazzo in via Cerrano, a Montesilvano. La pena e’ stata sospesa. Il Pubblico Ministero, Anna Benigni, aveva chiesto un anno e 4 mesi di reclusione. Il giudice, inoltre, ha disposto la trasmissione degli atti al pm per verificare l’eventuale sussistenza del reato di omissione di soccorso anche a carico dell’uomo che viveva con Ayegbeni. La donna, giudicata con il rito abbreviato, era accusata di non aver assistito l’uomo che, in seguito a una lite nel corso della quale era rimasto anche ferito alla fronte, era deceduto per ‘ischemia miocardica acuta’ La 35enne inizialmente era accusata di omicidio preterintenzionale, ma in seguito il pm Benigni ha modificato il capo d’imputazione.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Pescara, pensionato morto in ascensore 35 enne condannata"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*