Chieti, in piazza contro il Sindaco Di Primio

sdr

Chieti, in piazza contro il sindaco Di Primio. Su uno striscione la scritta “dimettiti”. E quanto chiedono le forze politiche di minoranza al Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, accusato di non aver fatto abbastanza per la città in questi sette anni di mandato.

Una protesta, è stato detto, per interpretare il giudizio dei tanti cittadini scontenti dell’azione amministrativa di centrodestra. Una manifestazione di protesta trasversale che ha visto la partecipazione di esponenti del centrosinistra, Pd, Mdp, Movimento 5 Stelle, e liste civiche ma anche esponenti di CasaPound. Non molti per la verità. Una manifestazione piuttosto raccolta. poche decine di esponenti politici e scarsa partecipazione da parte della cittadinanza distratta probabilmente dagli acquisti del Natale.

“L’importante, ha sottolineato Ottavio Argenio del M5S è sentire il supporto dei cittadini scontenti dell’amministrazione del sindaco Di Primio. Una manifestazione nata in maniera spontanea dalla gente.” Stesso concetto ribadito al microfono di Rete8 anche da Alessio Di Iorio del PD così come da Enrico raimondi della Lista L’Altra Chieti, mentre per Casapound ha espresso il suo giudizio Vincenzo Artese.”

Nessuna bandiera di partito ma soltanto manifestini sui quali si poteva leggere la scritta “dimettiti”.  La protesta partita da Piazza Vico si è concentrata in Piazza Valignani, davanti alla sede del Comune.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Chieti, in piazza contro il Sindaco Di Primio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*