Strade dissestate? Adotta una buca!

lele-fantasia

Strade dissestate? Adotta una buca! E’ l’iniziativa lanciata on line da Lele Fantasia, un attivista teatino di Giustizia Sociale.

Contro le strade dissestate ecco l’iniziativa “Adotta una buca”, lanciata on line, in particolare su Facebook con tanto di Pagina, da Lele Fantasia, il cui cognome la dice lunga sulla inventiva dell’attivista di Giustizia Sociale che ha avuto l’idea. Con tanto di vasetto di fiori e innaffiatoio, la prima buca da lui … adottata, è una di quelle lungo via Piaggio, a Chieti Scalo. Con Fantasia, appunto,  Lele vuole segnalare lo stato delle strade cittadine ma non solo, visto che l’iniziativa è aperta alle segnalazioni di buche da tutti i comuni d’Abruzzo e d’Italia. Ogni cittadino può segnalare sulla pagina Facebook apposita una buca, adottarla, con tanto di nome, e sperare nell’intervento riparatore delle amministrazioni competenti a metterci, almeno, la pezza. Della serie “mettete un fiore nelle vostre buche”, Lele Fantasia ha già avuto diversi contatti e richieste di amicizia sui social network visto che, il problema delle strade dissestate nelle città è molto sentito, da automobilisti e pedoni.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Strade dissestate? Adotta una buca!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*