La guerra sui cani finisce in tribunale

WCENTER 0WOBADSCDJ - 01031808 FOTO WEBSERVER - imgnewpress030114180825 - CANILE IN CONTRADA GATTIA - - Newpress

La guerra sui cani finisce in tribunale. Il braccio di ferro tra il Comune di Teramo e l’ Istituto Zooprofilattico finisce davanti ai giudici.

Sfumata la possibilità di un eventuale accordo tra i due enti per la gestione del canile di Carapollo e di contrada Gattia, il contenzioso si sposta nelle aule del tribunale teramano. Consistenti le somme in ballo, circa 3,8 milioni di euro. Il Comune non intende versare tale cifra all’Istituto Zooprofilattico in quanto non riconosce la validità della convenzione stipulata quando alla guida dell’ente c’era il sindaco Angelo Sperandio.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "La guerra sui cani finisce in tribunale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*