Acqua Santa Croce, Lolli striglia la società: “Liberi l’adduzione”

“La Regione ha seguito sin dall’inizio l’evolversi della vertenza, con incontri ripetuti, cercando di favorire una soluzione immediata soprattutto a salvaguardia dei livelli occupazionali. Oggi il bando è pronto: è stato elaborato dai nostri uffici d’intesa con l’amministrazione comunale di Canistro e con i sindacati, e potrà consentire il rilancio dell’attività rendendola competitiva sul mercato nazionale e internazionale vista la straordinaria qualità delle acque della Sorgente “S. Antonio-Sponga” di Canistro”.

Così il vice presidente Giovanni Lolli questa mattina, a palazzo Silone a L’Aquila, nel corso di una conferenza stampa, ha voluto fare chiarezza su una vicenda che si trascina ormai da tempo e che presenta troppe ombre su una realtà lavorativa importante che ha 70 dipendenti (rispetto ai 120 del passato) ma che ne vede lavorare solo una minima parte costringendo la maggior parte alla cassa integrazione.

“Purtroppo – ha aggiunto Lolli – l’attività produttiva si è gravemente indebolita in questi anni per la Santa Croce. In Abruzzo e in Italia, invece, nonostante la crisi economica generale, il mercato delle acque minerali ha tenuto bene anche con punte di crescita”.

Presenti anche il sindaco di Canistro, Angelo Di Paolo, l’assessore comunale alle attività produttive Ugo Buffone e il consigliere comunale Cristiano Iodice. “Le acque minerali Santa Croce sono vita per il Comune di Canistro e per la Valle Roveto in generale – ha aggiunto il vicepresidente – ovviamente al nuovo bando potrà rispondere anche l’ex gestore in presenza dei requisiti previsti. C’è un solo ultimo passaggio per perfezionarlo: l’accesso alla rete di adduzione, nel tratto dalla sorgente allo stabilimento, che è proprietà indisponibile della Regione e il cui accesso è impedito dalla società Santa Croce nonostante le nostre ripetute sollecitazioni. Bisogna potervi accedere per partire con il bando europeo”.

“Finora questo ci è stato negato. Dobbiamo rientrare in possesso dell’adduzione – prosegue Lolli – che è una pertinenza della sorgente, altrimenti saremo costretti a intervenire anche facendo ricorso all’autorità giudiziaria. Stiamo parlando di un’acqua – ha concluso il vicepresidente – di alta qualità, di massima affidabilità e con specifiche caratteristiche che la pongono ai primi posti in italia. Un patrimonio che dobbiamo salvaguardare insieme ai tanti posti di lavoro. Del resto, esistono motivi giuridici e sostanziali impossibili da ignorare e per i quali siamo stati costretti ad arrivare a un nuovo bando per rilanciare lo stabilimento e renderlo competitivo sul mercato. Abbiamo fortemente voluto che venisse inserita nel bando una clausola sociale che prevedesse la salvaguardia dei livelli occupazionali per le maestranze attuali”.

Il sindaco di Canistro Di Paolo ha sottolineato l’impegno dell’amministrazione comunale nella definizione della vertenza e la collaborazione con la Regione nella stesura del bando di concessione, evidenziando come l’attività dello stabilimento Santa Croce sia parte integrante di un territorio che porta sulle tavole delle famiglie italiane la qualità delle sue acque e del suo ambiente, la sua storia e la sua identità. Un bene inestimabile che deve essere tutelato e valorizzato dal punto di vista ambientale e occupazionale.

LA REPLICA DEL PATRON DELLA SORGENTE SANTA CROCE

“Il vice presidente della Regione Giovanni Lolli, per emanare il nuovo bando, sostiene di dover rientrare in possesso del bene che in questo caso e’ rappresento dalla sola Sorgente Santa Croce, visto che lo stabilimento, i macchinari ed il marchio sono di proprieta’ privata. Ci dovrebbe spiegare allora perche’ il precedente bando era stato preparato senza rientrare in possesso del bene”. E’ la replica del patron della Sorgente Santa Croce Spa, Camillo Colella, alla presa di posizione del vice presidente della Regione Abruzzo nel corso della conferenza stampa che si e’ tenuta oggi all’Aquila sulla situazione produttiva ed occupazionale dello stabilimento di Canistro (L’Aquila) dove si produce il marchio nazionale di acqua minerale. “Inoltre – prosegue l’ingegnere – Lolli dovrebbe spiegarci anche come sia possibile che in un periodo di quasi un anno la Regione non abbia provveduto ad emanare il nuovo bando ottemperando alle direttive del Tar che era stato chiarissimo nella sua sentenza. Infatti secondo il Tribunale amministrativo, il vecchio bando era regolare in tutte le sue parti ad eccezione di quella in cui mancava la procedura ambientale. Quindi e’ bene anche ricordare che il bando in questione e’ stato annullato per una mancanza della Regione Abruzzo e non certo dell’Azienda Sorgente Santa Croce Spa”. Colella chiede poi chiarezza alla Regione soprattutto sul “perche’ non abbia mai risposto ufficialmente alle ripetute richieste di proroga inoltrate dalla Sorgente Santa Croce in attesa che venisse emanato il nuovo Bando, una questione che dimostra una disparita’ di trattamento e la volonta’ di far chiudere l’attivita’ di una societa’ sana che ha fatto investimenti e pagato personale diretto e indotto, personale che ora per colpa della Regione rischia il licenziamento”. Sorgente Santa Croce spa ribadisce che l’azienda non e’ in vendita e che si riserva di veder tutelati i danni milionari per la perdita di un avviamento commerciale trentennale. “Danni derivanti dalla negligenza e dall’operato poco chiaro dei dirigenti Regionali di competenza”.

Guarda il servizio del Tg8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Acqua Santa Croce, Lolli striglia la società: “Liberi l’adduzione”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*