Sevel, la Cassazione reintegra l’operaio licenziato

Sevel , la Cassazione reintegra l’operaio licenziato. Licenziato 4 anni fa, riottiene il posto di lavoro alla Sevel di Atessa, grazie alla Sentenza della Corte di Cassazione.

Protagonista della vicenda è Franco Simone, 61 anni, di Lanciano, licenziato nel luglio del  2013 dalla Sevel che aveva scoperto che l’operaio, in congedo per due anni, stava con la madre solo di notte. Ma l’operaio, difeso dall’avvocato Angelo Manzi, ha dimostrato che durante le ore diurne si alternava con altri parenti. A stabilire il suo reintegro, la IV sezione lavoro della Cassazione che ha respinto il ricorso della Sevel e dichiarato illegittimo il licenziamento, rinviando alla Corte di appello di Campobasso per l’applicazione della decisione. Spetterà ora alla Corte Molisana porre la parola fine a questa dolorosa vicenda lavorativa dai risvolti anche penali.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Sevel, la Cassazione reintegra l’operaio licenziato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*