L’Aquila: polemiche su chiusura Intecs e apertura Zte

L’Aquila: polemiche sulla chiusura della Intecs e sull’apertura di Zte nel tecnopolo dell’Aquila, è la denuncia di un lavoratore del centro di ricerca che dà lavoro a 80 dipendenti.

“Un nuovo Centro di ricerca nelle telecomunicazioni, quello di ZTE, nasce nel tecnopolo dell’Aquila e uno viene chiuso nell’indifferenza, quello Intecs sempre nel tecnopolo, con il licenziamento di tutti i ricercatori”. E’ la denuncia di un lavoratore della Intecs, centro di ricerca che dava lavoro a circa 80 ricercatori ora avviati al licenziamento e alla copertura con gli ammortizzatori sociali. Il lavoratore si chiede “quale è la strategia dei nostri governanti?”. In riferimento alla Zte, nei giorni scorsi è stato sottoscritto oggi all’Aquila l’accordo tra l’Università degli Studi dell’Aquila e la Zte Italia, finalizzato all’istituzione di un Joint Innovation Center. Zte Italia è una società di Zte Corporation, che ha base a Shenzhen (Cina) e rappresenta un leader a livello globale nel settore degli apparati per telecomunicazioni e delle soluzioni di rete (500 operatori di telecomunicazioni in 140 Paesi). Zte Italia giocherà un ruolo centrale nello sviluppo delle reti 5G per gli operatori di telecomunicazioni italiani e ha deciso di collocare in Italia un centro di ricerca e innovazione a supporto dello sviluppo suddetto, nel breve periodo e focalizzato sulle evoluzioni tecnologiche successive nel medio-lungo periodo. La scelta della città dell’Aquila come sede del centro “è maturata grazie alle iniziative messe in campo dalla Città e dalla sua Università tese a realizzare un laboratorio urbano orientato all’innovazione che ha portato L’Aquila ad essere individuata dal Ministero per lo Sviluppo Economico come una delle città nelle quali si svolgerà la sperimentazione pre-commerciale del 5G in Italia, nel periodo 2018-2020”, si legge in una nota.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila: polemiche su chiusura Intecs e apertura Zte"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*