L’Aquila, chiesto rinvio a giudizio per Cialente

massimo_cialente__1_

Chiesto rinvio a giudizio per il sindaco di L’Aquila. Cialente, messo nei guai da un’intercettazione telefonica, avrebbe fatto pressioni sulla Ricostruzione.

Era stato lo stesso sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, a diffondere la notizia delle indagini che lo riguardavano. Ora il procuratore Stefano Gallo chiede il rinvio a giudizio sia per lui che per il dirigente del Comune Fabrizio De Carolis. “Ma allora perché non fate lavorare Iannini?” sarebbe questa la frase incriminata pronunciata da Cialente, al telefono con un avvocato di un consorzio di ricostruzione. Le indagini, durate quasi due anni, si erano chiuse a luglio. Il primo cittadino del capoluogo è indagato assieme al funzionario comunale, entrambi per induzione indebita a dare o promettere utilità, la cosiddetta concussione depotenziata, che nel caso di Cialente è contestata in due casi. Nell’ambito della stessa inchiesta era stata già archiviata la posizione di Eliseo Iannini.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, chiesto rinvio a giudizio per Cialente"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*