Lanciano: truffe su eBay, 24 persone a giudizio

tribunale lanciano

Truffe su eBay, a Lanciano 24 persone a giudizio, il prossimo 6 dicembre.

Ennesimo filone d’inchiesta sulle truffe messe in atto su eBay che da anni vede Lanciano al centro di attività illegali in Italia. Il gup Marina Valente ha disposto il rinvio a giudizio, per il prossimo 6 dicembre, di 24 persone accusate di presunta associazione a delinquere finalizzate alla truffa su e-bay che vede parti lese 139 persone residenti in varie regioni, le quali su internet avevano acquistato, e regolarmente pagato, smartphone, iPhone, notebook e altri prodotti informatici, senza mai ricevere la merce o con scatole arrivate a casa vuote. La maggioranza degli imputati è residente a Lanciano. Nel procedimento è implicata un’altra persona irreperibile la cui posizione è stata stralciata. La serie di truffe avrebbe portato l’organizzazione a guadagnare illecitamente decine di migliaia di euro. Per ingannare gli acquirenti in molti casi l’organizzazione ha attivato falsi account o fatto ricorso a prestanome o ad altri soggetti ignari di cui venivano utilizzati i dati.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Lanciano: truffe su eBay, 24 persone a giudizio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*