Termosifoni accesi a Chieti, Lanciano e Avezzano

termosifoni11Family warming up hands over electric heater

Impianti di riscaldamento ancora accesi a Chieti,  Lanciano e Avezzano, in considerazione delle avverse condizioni atmosferiche e delle basse temperature.

Apposite ordinanze sono state emesse dai sindaci delle tre città. Ad Avezzano il sindaco, Giovanni Di Pangrazio, ha disposto la proroga dell’attivazione degli impianti delle scuole fino al 30 aprile compreso, per una durata giornaliera fino a sette ore. A Chieti il sindaco, Umberto Di Primio, ha accolto le richieste pervenute da dirigenti degli istituti scolastici e delle strutture sanitarie e di ricovero. L’Ordinanza stabilisce che i termosifoni potranno restare accesi fino al 22 aprile prossimo per una durata massima di sei ore giornaliere. Stessa proroga a Lanciano dove il sindaco, Mario Pupillo, ha firmato l’ordinanza che consente l’accensione straordinaria dei riscaldamenti sul territorio comunale, comprese scuole e uffici pubblici, fino a otto ore al giorno. L’ordinanza si avvale della riserva di eventuali ulteriori provvedimenti in relazione all’evoluzione delle condizioni meteorologiche.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Termosifoni accesi a Chieti, Lanciano e Avezzano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*