Chieti: Thales, Di Primio si rivolge a Governo

thales-sindaco1

Il Sindaco Di Primio ha incontrato i lavoratori della Thales di Chieti e ha chiesto attenzione da parte del Governo sul futuro dello stabilimento teatino.

Il primo cittadino si rivolge direttamente al Governo affinché un proprio rappresentante sieda al tavolo delle trattative presso il MISE. Di Primio si è recato nello stabilimento della Thales di Chieti, occupato dai lavoratori, per portare loro la solidarietà e il contributo dell’Amministrazione Comunale.

“Ho voluto esprimere ancora una volta la mia vicinanza ai lavoratori della Thales di Chieti per le difficoltà che stanno affrontando a causa di una inaccettabile posizione assunta dall’azienda sul nostro territorio”.

Il Sindaco ha poi partecipato alla riunione convocata dal Prefetto Antonio Corona, presenti i rappresentanti della Rsu della Thales, nel corso della quale ha annunciato che invierà una nota a Palazzo Chigi per chiedere che alla prossima riunione del tavolo convocata per l’11 aprile presso il MISE, sieda anche un rappresentante del Governo.

“La difesa della Thales di Chieti, – prosegue Di Primio – leader nel settore delle telecomunicazioni a livello internazionale, che opera anche per conto del Ministero della Difesa, deve far si che vengano tutelati non solo i suoi lavoratori ma anche il suo know how, valore aggiunto per tutto il territorio italiano. L’obiettivo è perseguire ogni percorso utile portando avanti una battaglia in difesa di una terra dove stiamo assistendo ad un progressivo impoverimento qualitativo del lavoro e dove la Thales rimane una delle poche aziende d’eccellenza, parte determinante di quell’anello della sicurezza e della difesa di fondamentale importanza in un momento così particolare anche per il nostro Paese. Per questo, ritengo che sia irrinunciabile la presenza del Governo al tavolo delle trattative. In tal senso, mi sono impegnato a scrivere una nota da inviare a Palazzo Chigi per chiedere che alla prossima riunione sulla vertenza, convocata per il prossimo 11 aprile, questa volta vi sia la presenza di un autorevole rappresentante del Governo. In questo ultimo anno, la Regione, tramite il Vice Presidente Giovanni Lolli, e il Comune hanno tentato di fare pressione sui Ministeri competenti affinché la Thales non finisse smantellata e spezzettata. In ultimo, ho rappresentato tale difficile situazione anche al Presidente del Consiglio Matteo Renzi in occasione della sua visita a Chieti presso gli stabilimenti della Walter Tosto. Chiediamo che Thales torni sui propri passi e non rinunci al comparto Difesa e, soprattutto, al sito di Chieti”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Chieti: Thales, Di Primio si rivolge a Governo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*