Chieti: Resta ai domiciliari l’allenatore accusato di pedofilia

Resta agli arresti domiciliari  il 52enne di origini venezuelane, ex agente di commercio ed ex allenatore di una squadra di baseball teatina, sotto processo a Chieti per violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di nove bambini di età compresa fra 8 e 13 anni.

Secondo l’accusa, approfittando del suo ruolo di allenatore al quale i bambini erano affidati per la pratica sportiva, avrebbe abusato in diverse circostanze e luoghi. Il Tribunale di Chieti oggi pomeriggio ha rigettato la richiesta presentata dal difensore dell’uomo, l’avvocato Luigi Antonangeli, nel corso dell’udienza che si è celebrata lo scorso 23 ottobre durante la quale erano stati sentiti diversi testimoni dell’accusa e delle parti civili. Il pm Giuseppe Falasca aveva dato parere favorevole a una misura alternativa a condizione che per l’imputato fosse disposto il divieto di avvicinarsi alle vittime e ai luoghi che frequentano. Già nell’udienza di ammissione delle prove, il 25 settembre, il legale aveva chiesto la remissione in libertà o una misura anche restrittiva che permettesse al suo assistito di lavorare per provvedere alle esigenze di sostentamento sue e a quelle del figlio che vive con lui. Anche in quel caso l’istanza era stata rigettata.

Sii il primo a commentare su "Chieti: Resta ai domiciliari l’allenatore accusato di pedofilia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*