Chieti: domani sciopero alla Dayco

daycodayco

Sciopero di tre ore con assemblea, domani mercoledì 20 aprile, alla Dayco di Chieti, dopo la sospensione dei delegati sindacali.

Oltre allo sciopero di domani, i sindacati fanno sapere che ci sarà anche un’assemblea dei lavoratori nella sede principale di Chieti e in quella di Manoppello. Tutto questo dopo la sospensione cautelativa di tutti e sei i delegati sindacali di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil della Dayco di Chieti. In una nota del 4 aprile scorso, a firma dei segretari Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil Carlo Petaccia, Ettore Di Natale e Claudio Musacchio, i sindacati riferiscono che il provvedimento è stato preso perché i delegati sono stati ritenuti “colpevoli, a leggere le motivazioni aziendali, di aver fatto un comunicato stampa ritenuto denigratorio e falso. La sospensione cautelativa è un azione grave – scrivono le organizzazioni sindacali – che prelude sicuramente al licenziamento degli stessi delegati. La prima risposta a tale azione, è stata la proclamazione di una giornata di sciopero da parte delle tre segreterie confederali per questo atto unico, mai successo dal dopoguerra ad oggi” .

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

1 Commento su "Chieti: domani sciopero alla Dayco"

  1. sempre meglio dell’INPS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*