Caldo: due vittime nel Pescarese, tra cause anche l’afa

Due persone morte nel giro di poche ore e una ricoverata in ospedale in gravi condizioni, tra Pescara e il territorio provinciale, in seguito a malori dovuti, probabilmente, anche al gran caldo.

Nelle ore più afose della giornata le temperature hanno superato i 30 gradi. Un 63 enne con patologie cardiache note è morto a Montesilvano, mentre stava lavorando in campagna nella zona di via De Gasperi. Sul posto è subito intervenuto il personale del 118, ma ogni tentativo di rianimarlo è stato vano. A Città Sant’Angelo, in un’abitazione di via Alfonso di Vestea, è morto un uomo di 88 anni. A lanciare l’allarme sono stati i parenti: inutile l’intervento dei soccorritori. A Pescara in un bar uno dei proprietari ha avuto un malore ed è andato in arresto cardiaco. Sul posto è subito intervenuto il 118. I soccorritori sono riusciti a rianimarlo e a trasportarlo in Pronto soccorso. L’uomo è ora ricoverato in ospedale.

Sii il primo a commentare su "Caldo: due vittime nel Pescarese, tra cause anche l’afa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*