Avezzano: muore dimesso da ospedale, aperta inchiesta

Muore dopo essere stato dimesso dall’ospedale di Avezzano: inchiesta su decesso dell’anziano con il sequestro della cartella clinica e l’autopsia sul corpo dell’81 enne.

Inchiesta della Procura della Repubblica di Avezzano, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo contro ignoti, sulla morte, nella sua abitazione, di un pensionato di Forme, frazione di Massa d’Albe, nell’Aquilano, di Carmine Perrotta, 81 anni, alcune ore dopo essere ricorso al pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano per forti dolori addominali. La scoperta del corpo in casa è avvenuta lunedì scorso, da parte dei familiari. Da quanto si è appreso, l’uomo era stato tenuto in osservazione una giornata. Poi era stato dimesso. L’allarme è stato dato da uno dei figli che non era più riuscito a contattare l’uomo dopo il suo rientro in casa. Alla luce del malore del giorno prima e delle successive dimissioni dall’ospedale, la magistratura ha disposto il sequestro della cartella clinica dell’ 81enne e l’autopsia, già eseguita. Il sequestro della cartella clinica, allo stato attuale, è un atto dovuto. Si attende l’esito dell’esame autoptico.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Avezzano: muore dimesso da ospedale, aperta inchiesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*