Maltempo: Protezione Civile, allerta “gialla” per l’Abruzzo

Prosegue l’allerta della Protezione civile per temporali e venti forti: in particolare, il Dipartimento segnala un’allerta gialla per l’Abruzzo.

Allerta “arancione”, invece, su Levante ligure e Toscana settentrionale. Persiste infatti sulla Penisola un flusso in quota di provenienza atlantica che determina un susseguirsi di impulsi perturbati. Domani le precipitazioni si intensificheranno inizialmente sulle regioni settentrionali e successivamente su Sardegna e regioni tirreniche, in particolare Liguria e Toscana, con ventilazione ancora sostenuta su gran parte del Paese. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticita’ idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticita’ consultabile sul sito del Dipartimento. L’avviso prevede il persistere di precipitazioni, anche a carattere temporalesco, su Liguria e Toscana a cui, dalle prime ore di domani, domenica 5 febbraio, si accompagneranno venti forti o di burrasca settentrionali sulla Liguria. Dalla tarda mattinata di domani previste inoltre precipitazioni, anche a carattere temporalesco, su Lazio e Sardegna. Sulla Sardegna si prevedono anche venti forti dai quadranti settentrionali, con rinforzi fino a burrasca forte, con mareggiate sulle coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti e’ stata valutata per domani allerta arancione per rischio idraulico e idrogeologico sullo spezzino in Liguria e sulla Toscana settentrionale. Allerta gialla, invece, sulla provincia di Genova e sull’Appennino emiliano, su Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e buona parte del Molise, nonche’ sulla Sardegna occidentale.

Sii il primo a commentare su "Maltempo: Protezione Civile, allerta “gialla” per l’Abruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*