Carceri, il Sappe dice no all’accorpamento Chieti-Pescara

carcere-sandonato

Carceri, il Sappe dice no all’accorpamento Chieti-Pescara. L’accorpamento del carcere di Chieti con quello di Pescara sarebbe già deciso, ma la scelta non piace affatto al Sappe, il sindacato autonomo di Polizia penitenziaria, che parla apertamente di scippo.

La scelta di accorpare Madonna del Freddo a San Donato sarebbe contenuta nello schema di decreto inviato dal Ministero della Giustizia ai sindacati. L’accorpamento degli istituti penitenziari sarebbe motivato dalla necessità di fare cassa, riducendo le spese diminuendo i dirigenti. Il Sappe teme che l’eventuale inglobamento del carcere teatino in quello pescarese possa preludere ad una soppressione del primo. Oggi il sindacato presenterà le proprie osservazioni allo schema ministeriale. Secondo Roberto Di Renzo, segretario provinciale del SAppe,

“L’accorpamento è inutile, senza un direttore presente a Chieti rischiano di saltare i protocolli con gli enti locali finalizzati al recupero e all’integrazione dei detenuti”.

Attualmente nel penitenziario di Madonna del freddo ci sono un centinaio di detenuti, numero che, secondo il Sappe non permetterebbe la gestione a distanza.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Carceri, il Sappe dice no all’accorpamento Chieti-Pescara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*