Cimitero Chieti, sfrattati dai loculi per morosità

Cimitero Chieti, sfrattati dai loculi per morosità. Giro di vite del Comune di Chieti contro i parenti morosi dei defunti sfrattati dai loculi. Il regolamento impone che se non si provvede al pagamento degli “oneri accessori”, il Comune può sfrattare i morti dai loculi.

E’ quanto sta avvenendo in questi giorni a Chieti dove gli addetti dell’Ufficio Cimiteri stanno provvedendo ad inoltrare gli avvisi  di pagamento ai parenti dei defunti, i quali avranno a disposizione 60 giorni di tempo, dalla pubblicazione dell’avviso per mettersi in regola. In pratica viene chiesto loro di regolarizzare le posizioni mediante il saldo per l’acquisto del loculo occupato. |Il loculo infatti viene concesso per quattro anni in affitto, terminati i quali si deve procedere al saldo dell’acquisto. In caso di inadempienza  gli uffici cimiteriali avviano le procedure di esumazione con la successiva collocazione delle salme in un campo comune. Un loculo al Cimitero di Chieti costa attualmente dai 1800 ai 2200 euro a seconda della posizione. Ogni anno muoiono a Chieti oltre 400 persone. In attesa del nuovo cimitero di Chieti Scalo i loculi a disposizione sono sempre meno. Da qui la necessità di far rispettare il regolamento cimiteriale.

Il servizio del Tg8:

Sii il primo a commentare su "Cimitero Chieti, sfrattati dai loculi per morosità"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*