Processo Bussi bis: assolto Catena, prescritti altri imputati

acqua rubinetto

Processo Bussi bis: assoluzione piena per Bruno Catena, ex presidente dell’Aca, e derubricazione del reato di distribuzione di acqua avvelenata da doloso a colposo con conseguente applicazione della prescrizione per gli altri quattro imputati.

Questa la decisione del gup del tribunale di Pescara, Maria Carla Sacco, giunta nel pomeriggio nell’ambito del procedimento bis riguardante la mega discarica di rifiuti tossici, rinvenuta nel marzo 2007, a Bussi sul Tirino (Pescara).

Gli altri quattro imputati sono Giorgio D’Ambrosio, all’epoca dei fatti presidente dell’Ato; Bartolomeo Di Giovanni, come direttore generale dell’Aca; Lorenzo Livello, in qualità di direttore tecnico dell’Aca Spa, e Roberto Rongione, responsabile del Servizio Sian della Asl di Pescara. Presente in Aula Bruno Catena, che dopo la lettura del dispositivo non ha rilasciato dichiarazioni.

Il pm Anna Rita Mantini aveva chiesto la derubricazione del reato per tutti e cinque gli imputati.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Processo Bussi bis: assolto Catena, prescritti altri imputati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*