Omicidio Alessandro Neri, sequestrate due auto di famiglia

Potrebbero essere vicine ad una svolta le indagini sulla morte di Alessandro Neri, il giovane di 29 anni ucciso a Pescara. Oggi i Carabinieri hanno sequestrato due auto del nonno di Alessandro, Gaetano Lamaletto.

Le auto sequestrate sarebbero una Mercedes, nell’azienda vinicola di Orsogna, e una Audi Q5 nella villa di Gaetano Lamaletto, a Giuliano Teatino. Le auto risultano in uso al cugino della vittima. Alessandro Neri è stato trovato morto giovedì scorso in un canale alla periferia Sud di Pescara, ucciso con un colpo di pistola al petto e uno alla testa. Al momento non ci sarebbe alcun indagato. I carabinieri avrebbero bussato nel primo pomeriggio di mercoledì alla villa di Giuliano Teatino dove Gaetano Lamaletto, nonno di Alessandro Neri, vive con la moglie. Le auto sequestrate sono state caricate su un carro attrezzi. La stessa villa è frequentata dal nipote, di nome Gaetano pure lui, attualmente all’estero, che un paio d’anni fa ha preso in mano l’azienda vitivinicola del nonno, il Feuduccio, sulle colline abruzzesi di Orsogna.

I due veicoli sequestrati sono entrambi intestati all’azienda vitivinicola della famiglia Lamaletto ‘Il Feuduccio’. Le due automobili saranno sottoposte ad accertamenti tecnici per appurare chi abbia utilizzato le due vetture negli ultimi giorni d ottenere eventuali riscontri alle informazioni acquisite nel corso dell’attività investigativa. Potrebbe anche essere nuovamente chiesto l’aiuto dei carabinieri del Ris di Roma.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Alessandro Neri, sequestrate due auto di famiglia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*