Elicottero caduto, il sostegno degli psicologi

Elicottero caduto, il sostegno degli psicologi. Cinque giorni con i familiari delle sei vittime dell’elicottero del 118 precipitato sul Monte Cefalone. L’equipe costituita da specialisti della Asl e dell’ associazione ‘180 amici L’Aquila’, è entrata con grande tatto e con discrezione professionale nel lutto dei congiunti.

Sono entrati in punta di piedi, con discrezione e professionalità, nel gorgo di dolore dei familiari delle 6 vittime dell’elicottero del 118, precipitato il 24 gennaio scorso sul Monte Cefalone, avvolgendoli per 5 giorni in un invisibile cordone di protezione. Si tratta di 9 psicologi e di uno psichiatra che, dal momento della disgrazia (martedì 24 gennaio) fino ai funerali (sabato 28) sono stati accanto ai congiunti, in un percorso comune di dolore che è andato ben oltre i ruoli professionali. I 10 operatori, di cui facevano parte anche specialisti  con alle spalle l’apocalisse del sisma del 2009 di L’Aquila,  hanno seguito passo dopo passo, prima in ospedale e poi in un albergo ‘sterilizzato’ da interferenze esterne, le famiglie coinvolte nella tragedia.  I 9 psicologi hanno lavorato di concerto con uno psichiatra  della Asl.  Già a partire dalla sera dell’incidente la direzione Asl ha allestito uno spazio protetto, all’hotel Canadian di L’Aquila, per le famiglie delle 6 persone decedute. In questo ambiente, perfettamente organizzato e lontano dall’ospedale, il pool di psicologi e psichiatri ha seguito i congiunti, tutti i giorni, fino al 28 gennaio, dalle ore 8 alle 20.00.

“Abbiamo condiviso molti momenti della giornata con i familiari,”, dichiarano gli specialisti, “cercando di restare sempre al loro fianco ma con discrezione. E’ stata un’opera di ‘lettura’ psicologica di gesti, movimenti e atteggiamenti, finalizzata a condividere, elaborare e gestire la sofferenza”. Gli specialisti, a seconda della composizione delle famiglie, hanno lavorato con uno o più psicologi e hanno svolto tra loro almeno due incontri al dì per adeguare di volta in volta la strategia di fronteggiamento del lutto. Ogni famiglia, singolarmente, è stata accompagnata dallo psicologo alla camera mortuaria, dove è stato costantemente presente lo psichiatra, e poi seguita durante i funerali. Ieri il manager Tordera ha tenuto un incontro con gli psicologi, impegnati durante i giorni della disgrazia, e gettato le basi per costituire un gruppo di lavoro per le  emergenze. “Oltre a ringraziare gli operatori per dedizione e professionalità dimostrate”, ha detto Tordera, “abbiamo deciso di allestire una specifica squadra di psicologi, opportunamente organizzata e pronta a entrare in azione al verificarsi di un’emergenza. Un’iniziativa che rientra nell’ambito del varo dell’Unità di crisi aziendale, messa punto nelle settimane scorse, che definisce strutture, competenze, modalità operative e organizzazione per attivare senza indugio l’apparato in caso di situazioni gravi ed eccezionali”

 

Sii il primo a commentare su "Elicottero caduto, il sostegno degli psicologi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*