Terremoto, anche psicologi abruzzesi per elaborare il lutto

A view of collapsed and damaged houses in Pescara del Tronto, central Italy, 24 August 2016. ANSA/CROCCHIONI

Tanti gli psicologi che da tutta Italia stanno raggiungendo i centri colpiti dal sisma: da loro un prezioso aiuto per elaborare il lutto. Ad Amatrice una psicologa aquilana in prima linea.

Secondo gli psicologi, che numerosi stanno raggiungendo i centri colpiti dal sisma, il silenzio rotto dalle urla di dolore della gente di Amatrice in preghiera davanti alle tende che contengono i cadaveri è il modo che la comunità ferita esprime per ritrovarsi e recuperare un’identità nell’elaborazione del lutto. Le reazioni sono diverse, ma l’arrivo di parenti da lontano è quasi sempre un momento di trasformazione del dolore in pianto che poi si ricompone. Ai parenti delle vittime viene chiesto dagli psicologi di comunicare, di parlare, di non chiudersi. “E’ una situazione completamente diversa rispetto a quella che accadde a L’Aquila – racconta una psicologa aquilana che oggi risiede a Pescara in prima linea da ieri ad Amatrice -. Lì il più alto numero di abitanti, la dislocazione dei campi sparsi sul territorio, ha in qualche modo impedito la costruzione di un lutto comune. Qui ad Amatrice la gente si sta riconoscendo in questa pietosa funzione”.

 

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Terremoto, anche psicologi abruzzesi per elaborare il lutto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*