Pescara, via Prati e il mistero dei lavori infiniti

Infiniti, decisamente in alto mare: così appaiono oggi, a distanza di un mese circa dalla iniziale data di riconsegna dei lavori in via Prati a Pescara, i cantieri allestiti dall’amministrazione comunale e ancora in pieno svolgimento.

Un cartello di inizio e fine lavori corretto, a penna, più volte nel giro di tre settimane. Un cantiere transennato dove è difficile intravedere operai al lavoro se non verso la fine della strada: siamo in via Prati a Pescara colli ( zona Motorizzazione e svincolo circonvallazione direzione nord), una arteria molto utilizzata specie nelle ore di punta da quanti ” scollinano”, dalla parte alta dei colli Innamorati, per scongiurare ingorghi e rallentamenti. A distanza di un mese dalla iniziale data di riconsegna dei lavori, fissata al 24 maggio, per diversi tratti di cantiere non si vedono operai e non si vedono mezzi. Il progetto, iniziato negli anni 2007/2008 con un primo finanziamento di 200mila euro, è giunto soltanto nel 2015 al definitivo appalto: due i lotti già affidati a due differenti imprese, e vista l’entità degli interventi si è ritenuto necessario procedere alla chiusura della strada per il territorio di Pescara. Lavori inizialmente previsti per fine marzo poi avviati a metà aprile: eseguiti dalla ditta Ecologia e ambiente di Pescara, che si è aggiudicata l’intervento a 223.363,66 euro (con il ribasso del 27,88%)  su un importo del finanziamento pari a 450mila euro, i lavori prevedono l’allargamento della sezione stradale, con il posizionamento di gabbionate per il contenimento delle scarpate. Previsto anche il rifacimento della pavimentazione della strada, delle zanelle per raccolta e smaltimento delle acque piovane e della relativa segnaletica.

Il nostro video:

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

1 Commento su "Pescara, via Prati e il mistero dei lavori infiniti"

  1. una sola parola:

    VERGOGNA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*