Penne, lezioni sospese e caccia alle aule alla “Giardini”

A Penne si complica il caso dell’Istituto Comprensivo “Giardini” rimasto orfano di alcune aule dichiarate inagibili: lezioni ancora sospese, genitori infuriati, ex e attuale sindaco allo scontro.

Il sindaco di Penne, Mario Semproni, ha incaricato un legale di predisporre un esposto-denuncia alla Procura, per accertare i motivi che ritardarono, cinque anni fa, lo sgombero della scuola “Mario Giardini” e per chiarire le cause dei mancati lavori di adeguamento sismico dell’immobile di via Caselli, “considerato che le due perizie tecniche, depositate il 18 giugno 2010 e il 5 luglio 2011, certificarono criticità strutturali e in particolare ‘scadenti prestazioni di calcestruzzo al di sotto dei limiti di normativa’ “. A Penne si complica il caso dell’Istituto Comprensivo “Giardini” rimasto orfano di alcune aule dichiarate inagibili: intanto le lezioni restano sospese, i genitori sono infuriati, e lo scontro tra l’ex e l’attuale sindaco si fa durissimo. Come spiega l’Amministrazione Comunale, in una nota, “per i lavori di adeguamento sismico, il Comune di Penne ottenne un contributo statale di 776 mila euro: i fondi, però, non sono stati spesi, ma destinati, dalla precedente amministrazione alla costruzione di una nuova scuola in via dei Lanaioli”. “Scuola che fino ad oggi è rimasta solo sulla carta nonostante siano trascorsi cinque anni”- ha detto il sindaco Mario Semproni.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Penne, lezioni sospese e caccia alle aule alla “Giardini”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*