Legnini: ” Le toghe lontane dalla campagna politiche”

Il vice presidente del Csm, Giovanni Legnini, ospite in una trasmissione televisiva dichiara: “Le toghe non possono partecipare a campagne politiche”. L’incontro con il ministro Orlando fissato per mercoledì.

“Un magistrato non può partecipare attivamente alle campagne politiche, su questo c’è un divieto”. Così il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini, intervistato da Sky TG24, sulla partecipazione di magistrati alla campagna sul referendum costituzionale. Legnini è tornato a lanciare l’invito ad abbassare i toni: “No ad un clima infuocato di reciproche accuse che allontana le soluzioni sulla giustizia. Una democrazia funziona se c’è rispetto, il che non significa rinunciare a critiche e confronti che sono il sale della democrazia”. Sul caso Morosini-  spiega poi Legnini- l’incontro con il ministro Orlando avverrà entro mercoledì. “Eventuali sanzioni – conclude – non spettano comunque al Csm”.

 

 

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Legnini: ” Le toghe lontane dalla campagna politiche”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*