L’Aquila, prese le ladre di gioielli

Sono due ragazze slave le autrici di diversi colpi messi a segno in case del centro de L’Aquila: nel bottino sempre gioielli e danaro.

L’ultimo colpo, sempre in pieno centro città a L’Aquila, è del 10 ottobre scorso: stavolta, però, il personale della Squadra Mobile ha individuato e denunciato le autrici del furto. Nel bottino dei colpi messi a segno dalle due slave sempre gioielli e danaro, così come identica era la modalità criminosa: utilizzavano una lastra di plastica che ha permesso loro l’apertura delle porte d’ingresso. Le due ragazze di etnia slava, di cui una minorenne, risultano dimoranti in un campo nomadi della Capitale: in passato erano già state fermate e denunciate perché trovate in possesso di oggetti preziosi di provenienza furtiva.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, prese le ladre di gioielli"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*