La Powercrop ricorre al Tar

La Powercrop ha depositato ricorso al TAR per richiedere l’immediato rilascio dell’autorizzazione alla realizzazione ed esercizio della centrale a biomassa da 30 MW di Celano.

A darne notizia è il sottosegretario alla Presidenza della Regione, con delega all’ambiente, Mario Mazzocca. Con il ricorso di fatto la Powercrop ha chiesto l’annullamento della DGR 248 del 19 aprile 2016 con la quale la Regione ha deliberato di recedere dall’Accordo per la riconversione dell’ex zuccherificio di Celano. Mazzocca: “Il voluminoso e corposo ricorso (circa 80 pagine) è stato minuziosamente esaminato dagli Uffici Regionali e nel corso di appositi incontri, con il prezioso contributo di tutte le competenze coinvolte nel procedimento autorizzativo e il fondamentale supporto dell’Avvocatura Regionale: sono stati approfonditi e valutati tutti gli elementi consentendo la predisposizione di dettagliate e puntuali controdeduzioni, in fatto e in diritto, ad ogni singola motivazione avanzata dalla ricorrente, evidenziandone la palese infondatezza”. Il 27 luglio scorso, intanto, la Powercrop ha chiesto ed ottenuto un rinvio con l’abbinamento al merito della trattazione della causa.”Come facemmo subito dopo la Conferenza dei Servizi dello scorso 21 aprile, ribadiamo l’invito a tutti (dai Sindaci, ai Comitati, alle Associazioni ed ai cittadini) di non abbassare la guardia –  conclude Mazzocca- perchè abbiamo fatto un importante percorso, ma non siamo ancora al traguardo”.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "La Powercrop ricorre al Tar"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*