Inchiesta Colasante, un’ora di interrogatorio in carcere

colasante-antonio1

Ha risposto alle domande del gip per oltre un’ora l’imprenditore Antonio Colasante  accusato di riciclaggio della liquidazione di due milioni e 130 mila ero in più del dovuto per il servizio svolto dal 2009 al 2015.

All’interrogatorio in carcere ha preso parte anche il procuratore facente funzioni Rosaria Vecchi. All’uscita dal carcere i difensori Milia e Di Filippo hanno commentato: “É andato tutto bene”. La difesa ha chiesto al gip la revoca della misura cautelare con la concessione dei domiciliari o di altre misure meno afflittive.

Sii il primo a commentare su "Inchiesta Colasante, un’ora di interrogatorio in carcere"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*