Giovane di Rieti trovata morta vicino Torano

Aveva fatto perdere le sue tracce da appena 24 ore Mariangela Mancini, la 33 enne di Rieti trovata senza vita sul ciglio della strada tra Torano e Spiedino, al confine tra le province di Rieti e L’Aquila. Tracce di strangolamento.

La giovane era scomparsa da più di 24 ore. Le ricerche erano state estese in mattinata anche nella Marsica, soprattutto nella zona di Magliano e Tagliacozzo. A lanciare l’allarme era stato il fratello di Mariangela, Nazzareno, su Facebook.Vicino al corpo della ragazza è stato trovata una bottiglia di acido, ma la cosa che più inquieta sono i segni, intorno al collo, compatibili con un tentativo di strangolamento. Ancora da chiarire le cause del decesso: bisognerà capire se l’allontanamento della giovane sia stato volontario e soprattutto se con Mariangela vi fosse qualcuno. Ancor più preziose eventuali testimonianze che possano dire come  la giovane abbia trascorso le sue ultime ore di vita.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Giovane di Rieti trovata morta vicino Torano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*