Avezzano, la Vesuvius chiude licenziando 81 operai

vesuviusavezzano

Per il 18 ottobre, giorno del tavolo al Mise, le segreterie di Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil hanno proclamato 24 ore di sciopero nazionale di tutti i lavoratori del gruppo con Vesuvius con sede anche ad Avezzano.

Lo annunciano i sindacati in una nota congiunta dove ricordano i motivi che hanno portato al vertice di martedì prossimo al ministero dello Sviluppo economico: la decisione della multinazionale inglese dell’acciaio di chiudere entro il 31 dicembre gli stabilimenti di Macchiareddu (Cagliari) e di Avezzano. A Roma sono state convocate tutte le parti coinvolte, a parte i sindacati, le istituzioni locali e regionali, e i responsabili aziendali, per valutare tutte le possibili alternative alla cessazione delle attività. I lavoratori che a causa della fermata degli impianti perderanno il lavoro sono 186 (105 a Macchiareddu e 81 ad Avezzano). Per loro è già scattata la procedura di licenziamento collettivo.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Avezzano, la Vesuvius chiude licenziando 81 operai"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*