Atri, il sì di Carmine e Filippo

Tanti amici ma sopratutto tanta emozione sui volti dei due protagonisti: ieri ad Atri il sì di Filippo e Carmine dopo 20 anni di convivenza e amore. Madrina d’eccezione la senatrice Pezzopane.

Circondati da tanti amici, dai parenti e anche da tanti cittadini semplici hanno finalmente coronato una vita insieme: nel municipio di Atri è stata celebrata l’unione civile fra lo stilista teramano Filippo Flocco e l’imprenditore atriano Carmine Pavone. È stato il sindaco Gabriele Astolfi a dare esecuzione al decreto attuativo della legge Cirinnà: “Oggi ad Atri si celebra un diritto civile e per questo sono molto emozionato- ha detto il primo cittadino. Filippo e Carmine, entrambi elegantissimi in smoking con camicia bianca, hanno ascoltato il sindaco dare lettura degli articoli della legge Cirinnà. Quando è arrivato il momento di pronunciare tutta la commozione della coppia: il sì di Filippo è stato d’impeto, senza il microfono per poter essere ascoltato dagli altri presenti, mentre Carmine ha pronunciato un commosso “certamente”. Dopo il fatidico “dichiaro che Filippo e Carmine sono uniti civilmente” lo scambio degli anelli e un lungo l’applauso dei presenti.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Atri, il sì di Carmine e Filippo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*