Alberi a Pescara, “condannati a morte senza referto”

Gli alberi che l’amministrazione comunale di Pescara sta abbattendo “sono stati condannati a morte senza un referto tecnico-legale”. Ambientalisti e associazioni pronti a ricorsi e denunce.

120 alberi di 60 e più anni condannati a morte senza che un tecnico li abbia analizzati. Alberi, in prevalenza pini, dichiarati pericolosi e quindi da abbattere con urgenza sulla sola base di uno screening visivo. L’appuntamento con la stampa è alle 11.30 all’ombra di due meravigliosi pini nel giardino che collega il Comune alla Provincia: la denuncia, con tanto di voluminoso dossier presto on line sui siti delle principali associazioni ambientaliste pescaresi e regionali, denuncia “una evidente superficialità procedurale e tecnica dinnanzi alla quale non si può far altro che denunciare e reagire”. Così Augusto De Sanctis al microfono del Tg8 dopo aver spiegato alcune elementari verifiche compiute da ambientalisti e semplici cittadini: il Corpo forestale dello Stato ha tutta una normativa in materia di verde pubblico, a partire dalla sua gestione ordinaria passando per quella straordinaria come sembrerebbe quella di Pescara. Normativa che tra le altre cose impone la catalogazione delle singole piante in base alla specie, catalogazione che secondo De Sanctis non è stata compiuta. Che dire, poi, del fatto che un approfondimento diagnostico su un singolo albero non supera le 30 euro a pianta laddove il Comune di Pescara ne spenderà oltre 500 a pianta per abbattimento e (ri)piantumazione? Una battaglia, a questo punto della vicenda, non più e non solo ambientalista ma legale e  amministrativa.

Dossier_alberi_01_09_2016

Guarda il servizio del Tg8:

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Alberi a Pescara, “condannati a morte senza referto”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*