Lanciano, recuperati 30 pc rubati in scuole del chietino

furti-negozi

Trenta computer recentemente rubati in alcune scuole della provincia di Chieti sono stati ritrovati a Lanciano e Chieti nelle abitazioni dove vivevano due fratelli romeni, uno dei quali da mesi sottoposto ad obbligo di dimora.

A seguito di indagini del Commissariato di Lanciano e della Squadra Mobile di Chieti i due – 19 e 24 anni – sono stati arrestati su ordinanza del gip di Lanciano Massimo Canosa, chiesta dal procuratore Francesco Menditto. Identificata la provenienza finora di 9 pc rubati ad Altino e di 3 portati via dal plesso di Fara Filiorum Petri. Durante la perquisizione trovata anche altra refurtiva, attrezzi edili e arnesi da scasso. Diverse le bande sul territorio specializzate nei furti di pc nelle scuole, è stato spiegato nella conferenza stampa in Procura da Menditto. “Attiveremo ora le procedure di legge che prevedono l’espulsione dall’Italia degli stranieri condannati e che commettono gravi reati – ha detto Menditto.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Lanciano, recuperati 30 pc rubati in scuole del chietino"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*