Tortoreto, condannata per peculato

tribunale-sentenza

In un mese avrebbe intascato indebitamente quasi 400 mila euro, di cui oltre 300mila spettanti all’erario. Un’accusa che è costata a una 43enne di Tortoreto, Olga La Pietra, una condanna a 3 anni per peculato.

Un’accusa che è costata alla donna una condanna a 3 anni per peculato,oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e al risarcimento di 390 mila euro in favore della parte civile (la Procura aveva chiesto una condanna a 4 anni e 6 mesi). I fatti contestati alla donna risalgono al gennaio 2011 quando, in qualità di legale rappresentante di una società che si occupava di gestire, per conto di Cogetech spa, l’attività di riscossione dalle slot machine attivate da quest’ultima, la donna si appropriava delle somme riscosse per un totale di 375.711 euro. Oltre 300mila spettanti all’erario e 31.279 spettanti al concessionario. A far partire le indagini, all’epoca, fu una denuncia della stessa Cogetech, parte offesa nel procedimento.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Tortoreto, condannata per peculato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*