Salvo Salvo chiede stato di calamità per la grandinata del 19

San Salvo chiede alla Regione Abruzzo di dichiarare e riconoscere lo stato di calamità naturale per i danni causati, domenica scorsa, da un violento temporale.

La giunta municipale di San Salvo ha deliberato di chiedere alla Regione Abruzzo di dichiarare e riconoscere lo stato di calamità naturale per il territorio comunale di San Salvo, colpito domenica 19 giugno da un violento temporale che ha causato ingenti danni all’agricoltura. “Abbiamo subito attivato le procedure – dichiara il sindaco Tiziana Magnacca – previste dalle normative vigenti per sostenere gli agricoltori colpiti dal devastante maltempo, con danni per milioni di euro alla nostra agricoltura”. Le conseguenze peggiori le hanno subite i soci della Cooperativa Euro-ortofrutticola, in particolare gli alberi di pesche, albicocche e ulivi. Il sindaco si augura “di trovare immediata adesione da parte della Regione Abruzzo, sia attraverso un impegno del presidente D’Alfonso sia dell’assessorato alla Politiche agricole”.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Salvo Salvo chiede stato di calamità per la grandinata del 19"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*