Chieti: studenti in corteo per chiedere scuole sicure

Circa 1.500 studenti dei Licei di Chieti in corteo, questa mattina, lungo corso Marrucino per chiedere edifici scolastici più sicuri.

I circa 1.500 studenti del Liceo artistico Nicola da Guardiagrele, del Liceo Classico “Giambattista Vico”, dello Scientifico “Filippo Masci” e del Liceo pedagogico “Isabella Gonzaga” hanno sfilato in corteo per chiedere che vengano risolti i problemi degli edifici scolastici e, in particolare maggiore celerità nei lavori di ristrutturazione dove sono in corso interventi. Nella Bottega d’arte della Camera di commercio docenti e studenti del liceo artistico e coreutico hanno dato vita ad una mostra sulle produzioni create nel corso di decenni e raccontare opere venute alla luce in un istituto storico che, tuttavia, è senza fissa dimora dallo scorso ottobre. Alle 9 da piazza San Giustino gli studenti hanno iniziato la manifestazione e dopo aver raggiunto piazza Trento e Trieste, passando sotto la sede della Provincia, sono tornati indietro concludendo la protesta con il  sit-in sotto il palazzo dell’Amministrazione provinciale di corso Marrucino. A gran voce hanno contestato “il disinteresse degli enti di competenza riguardo la situazione in cui versano le loro scuole”. Gli alunni del Liceo “ Nicola da Guardiagrele” hanno ricordato di essere rimasti ormai da mesi senza attrezzature adeguate e senza laboratori, strumenti essenziali per potare avanti i loro percorsi didattici. L’ex sede dell’artistico in via D’Aragona è stata chiusa a causa di un crollo di una parte di intonaco che precipitò a terra nella sala professori. Il complesso è stato dichiarato strutturalmente insicuro e i 250 alunni trasferiti, temporaneamente, tra l’edifico dell’ex Orsoline e quello del Seminario regionale. Per quanto riguarda lo Scientifico Masci, per lavori di ristrutturazione gli studenti sono stati ripartiti in più sedi: in parte, anche loro, nelle aule del Seminario regionale, in parte istituto De Sterlich. Chiedono si faccia presto rispetto alla soluzione prospettata di una dislocazione nella Caserma Berardi, da recuperare.

Sii il primo a commentare su "Chieti: studenti in corteo per chiedere scuole sicure"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*