Vasto: psicosi furti, operai scambiati per ladri

tombini-operai

A Vasto è psicosi furti, a causa della recrudescenza del fenomeno: così due operai sono stati scambiati per ladri.

Ossessionati dai ladri, alcuni cittadini hanno scambiato due operai di una ditta incaricata della manutenzione e pulizia dei tombini cittadini per ladri di sportelli in ghisa ed hanno chiamato le forze dell’ordine. E’ accaduto la notte fra venerdì e sabato a Vasto. Soprattutto tra gli anziani è così tanta la paura dei furti che è bastato vedere due uomini che di notte lavoravano vicino ai tombini del centro cittadino per arrivare alle più fantasiose conclusioni. Senza perdere tempo qualcuno ha immediatamente chiamato il 112 e il 113 per far catturare i presunti malviventi, che malviventi non erano. Facilmente immaginabile l’imbarazzo degli operai per l’equivoco  che è stato subito chiarito. Il Comune per evitare nuovi allagamenti autunnali ha affidato la pulizia dei tombini ad una ditta specializzata. Per evitare code, intasamenti e problemi alla circolazione veicolare di giorno la ditta è stata invitata ad eseguire i lavori di bonifica durante le ore notturne.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Vasto: psicosi furti, operai scambiati per ladri"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*