Chieti, Associazioni critiche sul Progetto Megalò 2

Chieti, Associazioni critiche sul Progetto Megalò 2. Ripercussioni incalcolabili sull’ambiente e l’economia. E’ il primo commento su Megalo’ 2 da parte dei rappresentanti di Confesercenti, Cna, Casartigiani, Upa, Cia, dei consorzi Chieti C’entro e Le vie del commercio, delle associazioni Legambiente e Wwf, dopo aver visionato il progetto di Megalo’ 2, struttura che prevede un’ulteriore cementificazione di migliaia di metri quadrati adiacenti all’attuale centro commerciale, e proprio a ridosso del fiume.

Secondo le associazioni infatti “l’opera impone un ulteriore intervento invasivo sull’argine stesso del Pescara, nonostante l’evacuazione del 2013 per rischio allagamento dell’area, nonostante tutti gli scandali portati alla luce dalla stampa e dalle Tv nazionale su un’area, quella compresa tra Chieti e Pescara, tra le piu’ cementificate d’Italia, e nonostante le finalita’ del progetto siano in completa antitesi con il progetto P.R.U.S.S.T. di riqualificazione e sviluppo sostenibile”.

“Si continua a perseverare in un’iniziativa, dicono le associazioni delle piccole imprese e ambientaliste, che avra’ conseguenze incalcolabili sia sotto il profilo paesaggistico ed ambientale, sia in quello del commercio cittadino e delle piccole e medie imprese, sia in quello sociale”. Le associazioni “chiedono fortemente ai Comuni di Chieti e di Cepagatti – dove andrebbe la nuova struttura – ed alla Regione Abruzzo la massima chiarezza su quanto posto in essere, e quali le ragioni che possano avallare questo progetto. Progetto che vede le associazioni fortemente contrarie, alla luce delle conseguenze sopra citate”. Le Associazioni, unite in gruppo di lavoro, “si riservano di intraprendere tutte le azioni tese a tutelare il territorio da un’ulteriore speculazione che avvanteggerebbe pochi. Per Marina De Marco e Dario Rosato (Confesercenti) il progetto diventera’ “l’ennesimo inutile megacentro (9 locali di dimensioni tra i 200 ed i 2500 mq), avulso dalla citta’, dara’ la definitiva mazzata all’economia cittadina, e per questo chiediamo la massima chiarezza alle autorita’ per sapere dove stiamo andando e con quali finalita’”, mentre Daniele Colantonio (Legambiente) afferma che “il progetto prevede un ulteriore allungamento dell’argine, che potrebbe posporre la tracimazione del fiume piu’ a valle, con una potenza tale da riversarsi fino alla foce del fiume ed alla citta’ di Pescara. Gia’ l’esistente Megalo’, ricordiamo, e’ una delle 10 costruzioni piu’ pericolose d’Italia”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Chieti, Associazioni critiche sul Progetto Megalò 2"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*