100 mila pulcini morti: condannato imprenditore

100 mila pulcini morti: condannato imprenditore frentano. Il Tribunale di Lanciano ha condannato A.L., gestore di un’azienda avicola a Fossacesia, a due mesi di reclusione per maltrattamento animali per la morte di 100 mila pulcini.

La vicenda risale al 2010 quando la Lav denunciò l’uomo perché, nonostante lo sciopero dei dipendenti che avrebbero dovuto eseguire le operazioni necessarie per una corretta nascita dei pulcini, aveva lasciato in funzione gli impianti di incubazione, causando la schiusa di migliaia di uova con fuoriuscita dei pulcini che, caduti sul pavimento e ammassati l’uno sopra l’altro, morivano per soffocamento.

“Una sentenza molto importante perché conferma che il maltrattamento può essere identificato anche in una condotta omissiva, come non curare i propri animali – afferma la Lav – e sancisce, ancora una volta, che anche le attività di settore con uso di animali, come in questo caso di allevamento di animali ‘da reddito’, ricadono pienamente nella disciplina penale a tutela degli animali, ogni qual volta se ne oltrepassino i limiti di ciò che è espressamente consentito”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "100 mila pulcini morti: condannato imprenditore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*