Prostituzione Montesilvano, solo a maggio 11 mila euro di multe

Prostituzione Montesilvano, solo a maggio 11 mila euro di multe. Ammontano a 11.400 euro circa le sanzioni elevate nel mese di maggio dalla Polizia Locale, frutto dell’attività di contrasto al fenomeno della prostituzione.

La sanzione per chi infrange il divieto assoluto, su tutto il territorio di Montesilvano, per i conducenti e gli occupanti di mezzi di trasporto che percorrono strade in prossimità di abitazioni, luoghi pubblici o demaniali o aperti al pubblico, di contrattare, concordare prestazioni sessuali o trattenersi, anche solo per chiedere informazioni con soggetti che esercitano attività di meretricio su strada o che per l’atteggiamento, l’abbigliamento, o le modalità comportamentali, ne manifestino l’intenzione, ammonta a 450 euro. 309 invece la sanzione per le prostitute.

«Sin dal mese di aprile –  ricorda l’assessore alla Polizia Locale, Valter Cozzi –  abbiamo intensificato l’attività di controllo dei vigili urbani in questo ambito.  Con l’estensione del turno serale grazie al progetto “Anti degrado sicurezza urbana”  la nostra Polizia Locale ha potuto concentrarsi maggiormente sull’azione di contrasto alla prostituzione. L’auspicio è che il sanzionamento possa rappresentare un deterrente nei confronti di chi, purtroppo, continua ad incentivare il fenomeno della prostituzione». Nel solo mese di maggio sono ben 15 i clienti sorpresi e sanzionati e altrettante le prostitute alle quali è stata comminata la sanzione.

Prosegue anche l’attività di affiancamento e sensibilizzazione condotta dalla Comunità Giovanni XXIII che, per mezzo di una convenzione sottoscritta con il Comune, opera delle uscite settimanali volte a sostenere anche solo spiritualmente le ragazze vittime della schiavitù della prostituzione, illustrando loro una possibilità di uscita da quella non vita per ricostruirne una fatta di legalità e lontana dalle violenze psicologiche e fisiche alle quali sono sottoposte.

2 Commenti su "Prostituzione Montesilvano, solo a maggio 11 mila euro di multe"

  1. david celiborti | 24/06/2017 di 20:26 | Rispondi

    Il solito “franco nelle stelle” che ripropone le sue idee in tema di quello che è il mestiere più vecchio del mondo! Nessuna legge a favore o contro la prostituzione potrà demolire il traffico”dell’amore a pagamento”, neppure le multe che fanno soltanto”cassa” nei comuni dove le applicano(montesilvano ad esempio!!). Quindi la solita oratoria “sana” dello “stellato franco” serve a ben poco! Piuttosto come ho detto in altra sede rivedrei la legge di quel cumulo di intelligenza della Merlin che ha chiuso “le case di tolleranza o bordelli o casini” Oggi ne abbiamo avuto un’altra con un’intelligenza al di sopra del normale:la Fornero!Tutto il resto è polemica inutile franco! David

  2. Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*