Falso e truffa, indagato ex Comandante stazione Carabinieri

dav

Falso e truffa, indagato ex Comandante stazione Carabinieri di Nerito di Crognaleto. Notificato al militare dell’Arma il sequestro di 11 mila euro.

E’ un’accusa di falsità ideologica e truffa aggravata quella che la Procura di Teramo contesta ad l’ex comandante della stazione Carabinieri della piccola frazione di Nerito di Crognaleto, al quale nei giorni scorsi è stato notificato un decreto di sequestro preventivo per un importo di 11.532 euro. Al militare, nell’ambito dell’inchiesta a firma del pm Davide Rosati e del Procuratore Antonio Guerriero, che sempre nei giorni scorsi hanno firmato l’avviso di conclusione delle indagini, viene contestato di aver falsamente attestato, nella redazione e nell’aggiornamento del memoriale di servizio relativo a numerose giornate lavorative comprese tra luglio 2014 e maggio 2016 e in diversi ordini di servizio, di aver realizzato attività d’istituto e servizi esterni che in realtà non avrebbe mai svolto. E questo, sempre secondo l’accusa, con l’obiettivo di ottenere, così come accaduto, indennità e competenze non dovute per un valore complessivo di 11.532 euro. Da qui la richiesta di sequestro preventivo per l’intero ammontare della somma che avrebbe indebitamente percepito, sequestro autorizzato dal gip Mauro Pacifico e notificato all’indagato qualche giorno fa.

Sii il primo a commentare su "Falso e truffa, indagato ex Comandante stazione Carabinieri"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*