Tentato omicidio Presutti, in due a processo

Tentato omicidio Presutti, in due a processo. Si aprirà il prossimo 11 gennaio il processo per il tentato omicidio del direttore della motorizzazione civile di Chieti Mario Nino Presutti. Il gip Giovanni De Rensis, al termine dell’udienza preliminare di questa mattina, in cui Presutti si e’ costituito parte civile, ha infatti rinviato a giudizio entrambi gli imputati: sia il presunto mandante, un pentito della ‘ndrangheta, collaboratore di giustizia, all’epoca residente nel teramano, sia il presunto esecutore materiale, un 37 enne di Silvi.

Sia quest’ultimo, che all’epoca fu arrestato a Londra, sia l’altro imputato, un collaboratore di giustizia originario di Tropea ed attualmente detenuto in in carcere toscano, dopo essere stato raggiunto da un’ordinanza di custodia firmata dal gip Roberto Veneziano, sono in carcere da circa un anno. Ad assistere il presunto mandante gli avvocati Giuseppe Cichella e Luigi Li Gotti; il 37enne di Silvi è difeso dall’avvocato Gennaro Lettieri. La parte civile è rappresentata dall’avvocato Marco Femminella. L’agguato ai danni di Presutti si verificò l’8 giugno del 2016. Quel giorno il direttore della Motorizzazione civile, che viveva a Silvi, era uscito di casa intorno alle 7.30 per raggiungere il posto di lavoro. Proprio mentre si trovava alla guida della sua auto, venne affiancato da un uomo su di uno Scarabeo 125, risultato poi rubato a Pescara, che esplose un colpo di arma da fuoco finito nella portiera dell’autovettura, lasciando illesa la vittima designata. Ad oggi, nonostante la lunga attività di indagine svolta dai Carabinieri e coordinata dal pm Greta Aloisi, non è ancora stato individuato il movente del tentato omicidio. Lo stesso Presutti, sentito dagli inquirenti, non è riuscito a fornire indicazioni utili in tal senso.

Sii il primo a commentare su "Tentato omicidio Presutti, in due a processo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*