Montesilvano, smantellata la centrale del falso

Montesilvano, smantellata la centrale del falso. Smantellata dalla polizia di Pescara una vera e propria ‘centrale del falso’ e recuperati quattro computer rubati in alcuni istituti scolastici.

E’ il bilancio di un’operazione straordinaria di controllo del territorio finalizzata al contrasto dei reati contro il patrimonio che ha interessato Pescara e Montesilvano. In particolare, ieri pomeriggio alcune pattuglie della squadra Mobile e dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno recuperato quattro computer portatili risultati provento di tre furti commessi ai danno di altrettanti istituti scolastici di Pescara, Montesilvano e Pineto tra il 26 gennaio e il 7 marzo scorsi. Per questi episodi sono indagati in stato di liberta’ un senegalese di 37anni, residente a Spoltore, e un 32enne nato a Lanciano e residente a Montesilvano. I due devono rispondere di ricettazione. La polizia, inoltre, ha effettuato un controllo all’interno del complesso edilizio denominato “La Residenza”, di Via Ariosto, a Montesilvano, occupato da numerosi cittadini originari del centro Africa, soprattutto senegalesi. I controlli hanno consentito di smantellare una ‘centrale del falso’ essendo stati sequestrati, per il momento a carico di ignoti, circa un migliaio di capi di abbigliamento contraffatti tra felpe, t-shirt, pantaloni e borse di primari marchi di moda sia nazionali che esteri, per un valore stimato sul mercato nero di circa 40.000 euro, nonche’ diverso materiale utilizzato per produrre falsi capi tra cui una macchina da cucire professionale, 29 matrici in ottone per contraffare i marchi e una pressa.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano, smantellata la centrale del falso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*