Lanciano, lite in casa con accoltellamento

Lite in casa con accoltellamento a Lanciano: un uomo, dopo aver tentato di strangolare la compagna, è stato colpito dalla donna con una lama tra spalla e collo.

Ai medici dell’ospedale Renzetti di Lanciano, dove è arrivato in ambulanza ferito e sanguinante, ha raccontato di essersi ferito da solo: ai sanitari è bastato medicargli la ferita da taglio tra collo e spalla per capire che si trattava di una aggressione. Con l’insistenza dei carabinieri, giunti in ospedale per verificare l’accaduto e ascoltare l’uomo, è saltata fuori la verità: a colpire il 40 enne sarebbe stata la compagna la quale avrebbe reagito ad un tentativo di strangolamento da parte dell’uomo. Tutto è accaduto in un alloggio popolare alla periferia di Lanciano dove la coppia vive da un anno circa e dove i vicini da sempre sentono arrivare urla di litigi e aggressioni. Per l’uomo, che si è rifiutato di denunciare la compagna, 30 giorni di prognosi.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Lanciano, lite in casa con accoltellamento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*