Pescara: giovani aggrediti per strada, individuati i responsabili

Pescara, giovani aggrediti per strada, individuati i responsabili. Sono tre ragazzi di 24 anni e uno di 23 anni, incensurati, i responsabili dell’aggressione ai danni di due giovani pescaresi di 24 e 21 anni, avvenuta a Pescara il mese scorso nei pressi del parcheggio del Bingo di viale Bovio.

Dopo circa un mese di articolate e serrate indagini, i carabinieri, grazie anche alle testimonianze raccolte e ai tabulati telefonici, sono, infatti, risaliti al gruppo di ragazzi autori del pestaggio. I quattro, due di Spoltore e due di Pescara, hanno anche in parte confessato la loro partecipazione al disegno criminoso e sono stati denunciati per lesioni aggravate in concorso. La vicenda risale alla notte tra il 24 e il 25 febbraio scorsi: un venerdi’ sera come tanti altri, durante il quale le due vittime trascorrono la serata in un locale di Pescara Vecchia insieme ad altri amici. Nel locale affollato un ragazzo urta involontariamente una ragazza del gruppo e, complice forse anche l’alcol, ne nasce una discussione iniziata sulla pista da ballo e proseguita fuori dal locale. La questione sembra degenerare e, dopo uno scambio di aggressioni verbali, la situazione si normalizza. Tuttavia, la sera di sabato si concretizza la vendetta. Le due ignare vittime trascorrono la serata in alcuni locali di Pescara Centro, nella zona del mercato, dove incontrano uno dei componenti del gruppo che la sera prima aveva discusso con loro. Si salutano, ma all’uscita dal locale, giunti all’altezza del parcheggio del Bingo di viale Bovio, i due malcapitati vengono raggiunti da quattro individui che, parzialmente travisati, li aggrediscono con calci e pugni, utilizzando anche un bastone. Terminata l’azione fuggono in direzioni diverse. Le due vittime poi sono state soccorse e accompagnate da un parente in ospedale. Dopo le cure del caso, i due ragazzi sono stati dimessi con prognosi di 10 e 7 giorni.

Sii il primo a commentare su "Pescara: giovani aggrediti per strada, individuati i responsabili"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*