Viale dei Pini a Pescara: monta la protesta contro l’abbattimento

Viale dei Pini a Pescara: monta la protesta contro l’abbattimento. Questa mattina cittadini ed ambientalisti in Via Regina Margherita per esprimere il proprio dissenso contro la decisione del Comune di abbattere 19 pini.

Appuntamento alle 9.30, a guidare la protesta Maurizio Acerbo di Rifondazione Comunista, Loredana Di Paola del WWF, ma anche Massimo Melizzi dell’associazione Pescara Punto Zero. Il timore é che l’amministrazione comunale compia uno scempio così come é accaduto, lamentano, in Viale Bovio dove sono stati abbattuti numerosi alberi. Insomma pronti a fare le barricate come é accaduto a Francavilla per la nota vicenda dei tigli. Intanto il Comune precisa che gli alberi che saranno abbattuti sono malati e che al loro posto saranno piantumati nuovi alberi. Ma gli ambientalisti non si fidano e temono che dietro questa operazione ci sia la volontà di creare nuovi spazi per i parcheggi proprio mentre iniziano i lavori per la realizzazione, in Via Regina Margherita, della cosiddetta Zona 30.

Aggiornamento ore 1o:

Sono decine gli ambientalisti che stanno dando vita ad un presidio a Viale Regina Margherita in pieno centro a Pescara per “evitare il pinicidio”, cioè l’abbattimento di alberi di alto fusto previsto dal Comune dopo una perizia. Come ha spiegato Loredana Di Paola, una delle attiviste, “bisogna evitare il taglio indiscriminato e uno scempio alla città”. Al presidio sono presenti ex consiglieri regionali come Riccardo Chiavaroli e Maurizio Acerbo. Carlo Masci, consigliere comunale di Forza Italia e coordinatore provinciale di Forza Italia, ha interessato stamani la Soprintendenza ai Beni Ambientali e Culturali che “mi hanno assicurato che stanno arrivando per bloccare i lavori”.

Aggiornamento ore 14.00:

Maurizio Acerbo di Rinfondazione Comunista fa sapere che:

“La Sovraintendenza dopo il sopralluogo che ha fatto questa mattina in via Regina Margherita ha notificato al comune di Pescara e all’impresa la sospensione dei lavori al fine di aprire la procedura relativa a una maggiore tutela di un viale storico come appunto quello denominato da sempre viale dei Pini. Il taglio delle 19 piante previsto è sospeso. Rimane il rammarico per gli alberi già tagliati prima del nostro intervento e che il comune abbia intrapreso un progetto così impattante senza confrontarsi con la cittadinanza e le associazioni ambientaliste.”

Nel pomeriggio il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, ha tenuto una conferenza stampa in cui ha annunciato che il Comune di Pescara ricorrerà al Tar contro la delibera della Soprintendenza che ha imposto lo stop al taglio dei pini di viale Regina Margherita. Alessandrini ha voluto ribadire quella che per lui è “una operazione di onestà intellettuale, contro le polemiche sterili, perché nostro interesse è tutelare l’incolumità delle persone, per aver eliminato delle piante pericolose che verranno sostituite. Noi non siamo degli insopportabili Attila, ma abbiamo fatto la fotografia del reale, ci addolora abbattere degli alberi, ma doverosamente li sostituiremo, in un’opera – ha concluso il sindaco – di riqualificazione ambientale che prevede anche delle piste ciclabili”.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Viale dei Pini a Pescara: monta la protesta contro l’abbattimento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*