Vasto: fa mangiare cibi dai rifiuti all’ex zia , condannato

tribunale Vastotribunale Vasto

Uomo condannato dal tribunale di Vasto. Perseguitava la ex convivente, il figlio e la zia di lei. Quest’ultima costretta a mangiare cibo dalla spazzatura.

Una storia di vessazioni e violenze che ha visto protagonista per alcuni anni un tunisino di 40 anni, O.N: finito in carcere per maltrattamenti in famiglia due anni e mezzo fa, Il tribunale di Vasto lo ha condannato a tre anni di reclusione e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. I testimoni in aula hanno riferito particolari sulle violenze subite dalla ex convivente, dal figlioletto, che all’epoca dei fatti aveva 6 anni ed oggi ne ha 12, e dalla zia della donna , costretta a raccogliere i cibi dalla spazzatura e a mangiarli. La ex compagna ha trovato il coraggio di denunciarlo poichè il tunisino l’aveva minacciata di far sparire il figlio. Nel 2012 la donna si è rivolta alla polizia e l’anno successivo insieme alla zia fu costretta a far ricorso alle cure mediche in ospedale per le ferite e le lesioni che l’ex compagno aveva provocato sui loro corpi. Una vicenda che , come tante altre che frequentemente raccontiamo, testimonia come le donne ,rispetto al passato, trovano sempre più spesso il coraggio di denunciare.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Vasto: fa mangiare cibi dai rifiuti all’ex zia , condannato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*